mercoledì 24 giugno 2020

La scuola che vorremmo

Nell’ultima redazione on line del 1 giugno, insieme alle ragazze e ai ragazzi del CAG Tarabella Cattabrega e delle altre associazioni del Tavolo Giovani del Municipio 2, abbiamo parlato di tante cose, di come ci siamo sentiti e sentite senza la scuola, senza gli amici e le amiche, senza poter condividere quotidianamente informazioni, studio, risate, scherzi, emozioni.  Dei lati positivi e negativi di questo periodo surreale che abbiamo trascorso un po’ da recluse e reclusi.
Queste “nuvole” colorate sono popolate dalle risposte dei e delle partecipanti. (Le parole più grandi sono quelle che sono state più utilizzate).



Comunque, una cosa era chiara: tutti e tutte abbiamo un grande desiderio che la scuola riparta. Senza scuola non si può stare: questo è un pensiero comune, una convinzione profonda. Un po’ viene da pensare: “chi l’avrebbe mai detto?”, un po’ si poteva immaginare. 

Vogliamo tornare a scuola: siamo tutti e tutte d’accordo. 

Ma abbiamo anche pensato che potremmo anche ripensarla questa scuola, già che ci siamo, migliorarla almeno un po', magari mettendoci insieme ragazze, ragazzi, bambine e bambini, insegnanti, genitori, presidi, educatori, educatrici, pedagogisti e pedagogiste, psicologi e psicologhe…. insomma tutti e tutte a immaginarci e progettare dei nuovi modi di fare scuola, nuovi modi di imparare e di crescere insieme, nuovi modi di fare cultura…. 

E abbiamo anche buttato lì un po’ di esempi, di progetti o pratiche di cui sappiamo:
  • la scuola sconfinata, un progetto che vuole portare la scuola fuori dalle mura scolastiche, nei giardini, nei musei, per le strade della città, nelle piazze. Idee ce ne sono: c’è un movimento ampio, vivace e attivo che sta facendo proposte concrete e sta mobilitando risorse ed energie belle e innovative;
  • la scuola capovolta, un metodo, una modalità di fare scuola,  che molte e molti insegnanti praticano già da tempo e che prevede, in sintesi, di superare il modello di lezione frontale e favorire invece la ricerca individuale.
E altri, moltissimi, sono i metodi innovativi, le idee di didattica che magari riprendendo principi e pratiche del passato (il metodo Montessori, la pedagogia di Giuseppina Pizzigoni, la didattica libertaria) cercano di rendere l'istituzione scolastica quanto più possibile vicina alle esigenze, al sentire, al vivere delle nuove generazioni.

Ma di certo possiamo immaginarcene altri e così, tanto per cominciare a pensarci su tutte e tutti insieme, abbiamo fatto questa domanda alle ragazze e i ragazzi che hanno partecipato alla redazione “Se fossi una maestra o un maestro in che modo aiuteresti i tuoi allievi e le tue allieve a imparare?

Qui, in quest'altra "nuvola" trovate le idee che sono venute fuori.




E tu che cosa ne dici? Che cosa risponderesti a quest'ultima domanda? Un modo per continuare insieme a riflettere, desiderare, immaginare la scuola che vorremmo.  

lunedì 8 giugno 2020

Giornata Mondiale degli Oceani


Congratulazioni e complimenti alla cara amica artista Fred nonché nostra maestra di autoritratto!
La sua opera è presente in Piazza della Scala a Milano, per sensibilizzare sulla tutela degli oceani.
#centoglobiperunfuturosostenibile
#worldoceansday
#respecttheoceans

Buona fine e buon inizio


 L'ultimo giorno di scuola e i buoni propositi.
Si chiude questo anno scolastico strampalato impoverito distanziato, che ha rivelato  - nella distanza - quanto siano più importanti i legami, gli affetti, il valore della scuola. Prima di tutto un "in bocca alla Lupa" per tutt* quell* che affrontano gli esami di terza media o la maturità in questa fase.
Poi diamoci tempo per pensare: questo tempo sospeso è stato denso di impegno personale (i tanti volontari che hanno lavorato nella propria comunità) di protesta internazionale contro il razzismo e  la razzia delle risorse e per le politiche per il pianeta. 
A guardar bene non sono temi così lontani fra loro ...sono la vita e sono il futuro: cose che riguardano proprio tutte e tutti, a ogni latitudine, qualcosa di cui dobbiamo occuparci anche nelle piccole cose. 
Speriamo di incontrarci presto e che il tempo dell'estate sia carico di sogni.
Buon ultimo giorno.

lunedì 1 giugno 2020

Generi e generazioni, del 28 maggio: una bella redazione piena di ma e di se...


Hanno partecipato Pietro, Giuseppe, Alessandra, Kiro, Ritag, Rachel, Martina, Brigida, Luigi, Mohamed, Safira, Elena, Maria Teresa
Genere è una parola che serve a differenziare, distinguere capire le differenze, mai e poi mai è utile per alzare steccati (tu di là/io di qua) ma piuttosto a riconoscere le differenze e le sfumature. Far somigliare le parole alle emozioni e non scambiare il sesso con cui nasciamo con una camicia di forza scritta con regole che sono legate tutte alla storia di ciascuno e alla cultura con cui si cresce. Ma ciasun* è ciascun* e declina con la sua stessa voce e vita un modo di essere uomo o donna e trasmette ai propri figli, alle proprie figlie, e alle azioni che semina nella sua vita: perché tutt* seminiamo qualcosa.
Parlare di genere perciò è parlare di modi diversi e personali di intendersi maschio o femmina, e quindi genere femminile plurale, genere maschile plurale... e cosa c'è di più adatto a esprimere le emozioni della musica?
Nella redazione del 28 maggio ciascun* ha portato anche una canzone: energia, emozioni che vogliamo condividere...
E il numero di 8pagine sarà nelle vostre mani, finalmente, a settembre!

femminile maschile etc... generi e generazioni (playlist spotify)

femminile maschile etc... generi e generazioni (playlist youtube)

giovedì 28 maggio 2020

Come ricominciare (e meglio di prima)







Ultima redazione di 8pagine lunedì 1 giugno in collaborazione con il tavolo giovani del municipio 2.
Come ricominciare?
Ci riguarda tutt* e tutt* possiamo partecipare a questo passaggio: è la scuola è la vita sono le amicizie è la città... raccogliamo e diffondiamo buone idee: le tue!
Ci colleghiamo con "la scuola sconfinata" un progetto importante del movimento "e tu da che parte stai? Umanità vs Indifferenza" e faremo insieme la nostra parte.